L’uso della narrazione (digitale) nella pratica clinica

di Alessandro Franceschini *

mednar

Spesso quando si parla di Medicina Narrativa, ho l’impressione che non si capisca bene a cosa ci si voglia riferire. Gli usi della narrazione in medicina, sono infatti molteplici e, nonostante le linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità abbiano cercato di disambiguare il termine, si riscontra ancora una certa difficoltà nel far convergere diverse scuole di pensiero.

Io ritengo che, in riferimento specifico alla pratica clinica, la narrazione dovrebbe rappresentare un elemento in più attraverso il quale i curanti accedono a notizie sulla storia del paziente, che permettono loro di qualificare ulteriormente la relazione di cura e, soprattutto, di effettuare diagnosi più veloci e precise e di personalizzare l’intervento terapeutico facendolo risultare più appropriato ed efficacie.

Un esempio per comprendere quanto sto dicendo. Poniamo il caso che il medico non sappia che il paziente del quale dovrà prendersi cura, al di là di quello che può emergere da una classica anamnesi, abbia alle spalle un’esperienza negativa di vissuto di malattia di un suo conoscente per il quale una certa cura farmacologica non ha avuto gli effetti sperati. È plausibile che il paziente a questo punto sia molto scettico circa la prospettiva di seguire, per sé stesso, una cura attraverso farmaci, ma non è detto che nel setting della visita si senta o abbia l’opportunità di far emergere questo suo pregiudizio. Il medico, senza conoscere questa storia, agirà in maniera standardizzata nei confronti del paziente prescrivendo, come di routine, la cura che riterrà più opportuna ma, presumibilmente, il paziente avrà difficoltà ad aderirvi e magari continuerà a rivolgersi a vari specialisti trovandosi sempre in difficoltà perché la questione non viene affrontata in maniera adeguata. Offrendo invece l’opportunità di raccontarsi in forma scritta, il paziente potrebbe decidere di far emergere questa sua problematica e il curante potrebbe tenerne conto.

Certo, forse sto semplificando troppo. Mi si dirà che il medico comunque cerca sempre di indagare anche il vissuto del paziente per avere a disposizione elementi utili per orientarsi e per supportarlo. Ma quanto è possibile riuscire ad esercitare questo tipo di indagine nei tempi strettissimi di una visita, in un contesto burocratico che spesso non favorisce la possibilità di dialogo approfondito al di là di ciò che è correlato a elementi prettamente clinici?

Metodologicamente, tener conto solo dell’aspetto biomedico della malattia, fa correre il rischio di non riuscire ad approdare ad una diagnosi adeguata e di non personalizzare le cure con tutte le conseguenze negative che questo comporta. Ecco allora che diventa essenziale, per una buona pratica clinica, la possibilità di accedere anche al modo personale col quale il paziente vive la propria malattia. È necessario incarnare quanto più possibile i dati clinici e le migliori linee guida standardizzate all’individualità specifica della persona da curare.

La Evidence Based Medicine trova pertanto nella Narrative Based Medicine una delle sue più utili alleate, generando quell’occasione virtuosa di poter esercitare una medicina che riesce a mettere e tenere insieme fattori quantitativi e qualitativi.

Ma se tutto ciò è vero e condivisibile, uno scoglio da superare è quello della raccolta delle storie dei pazienti da parte dei curanti. È infatti inverosimile che il medico riesca a leggere in maniera approfondita gli scritti dei suoi pazienti e, se anche riuscisse a farlo, poi come utilizzare quei contenuti ai fini pratici? Inutile nascondere che il medico, purtroppo, non è sempre in grado o non ha molto tempo a disposizione per riuscire ad approfondire la conoscenza del vissuto degli ammalati che a lui si rivolgono e che devono essere gestiti alla luce di esigenze organizzative che, sovente, cozzano di fatto con la possibilità di instaurare relazioni di qualità tra gli attori della storia di cura.

Basti pensare che l’utilizzo della medicina narrativa è menzionato anche nella checklist che l’Age.na.s. ha predisposto per la “Valutazione partecipata del grado di umanizzazione delle strutture di ricovero”, ma che ad oggi, su una scala di punteggi da 0 a 10, la medicina narrativa ha un valore di solo 2,2. Questo vuol dire che nonostante si riconosca e si cerchi di promuovere ufficialmente la medicina narrativa nelle strutture sanitarie, con difficoltà i professionisti della salute riescono a prenderla in considerazione in maniera concreta.

Un aiuto in tal senso ritengo possa arrivare allora dall’innovazione digitale. Potrebbe essere agevole raccogliere le storie dei pazienti su una sorta di diario digitale creato ad hoc, come nel caso della piattaforma DNM-Digital Narrative Medicine, nel quale il paziente può raccontarsi guidato da stimoli narrativi specifici stabiliti dal curante stesso e che poi questo abbia l’opportunità di accedere alle storie prodotte, attraverso l’elaborazione sintetica che alcuni esperti fanno dei racconti.

Interessante infatti è tener conto che una buona analisi narrativa delle storie dei pazienti può permettere di inquadrare la persona non solo rispetto alla fase attuale del suo vissuto di malattia, ma anche cogliendo il suo futuro atteso. In questo modo il medico, integrando i dati e la valutazione prettamente clinica con il punto di vista personale che il paziente ha di sé stesso in quanto ammalato, riesce a orientare in maniera più adeguata anche la prospettiva dell’obiettivo terapeutico verso il quale tendere.

Spesso si ha il pregiudizio che la tecnologia digitale spersonalizzi la relazione, ma in questo caso è vero l’esatto contrario: la medicina narrativa digitale può rappresentare realmente un’innovazione utile ed efficacie per la pratica di una buona medicina attenta alla persona e uno strumento particolarmente valido per promuove lo sviluppo del processo di empowerment, inteso come indice di soddisfazione e valutazione da parte dei cittadini dei servizi per la salute e partecipazione consapevole nelle decisioni che riguardano la propria salute. Un umanesimo digitale nell’ambito della pratica medica rappresenta così una delle innovazioni più affascinanti che proietta l’oggi verso un domani più rassicurante.

 

Alessandro Franceschini, dottore in Filosofia con un master in Medicina Narrativa, si occupa di Medical Humanities e insegna Filosofia Sistematica presso l’ISSR de L’Aquila collegato alla Pontificia Università Lateranense.

45 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. Pfizer viagra 50 mg online

    Viagra next day delivery

  2. Buy cheap viagra

    Order viagra

  3. Discount viagra without prescription

    Approved viagra pharmacy

  4. Generic viagra canada

    Rx generic viagra

  5. cialistodo.com scrive:

    cialistodo.com

    L’uso della narrazione (digitale) nella pratica clinica | Digital Narrative Medicine

  6. sildenafil 100 scrive:

    sildenafil 100

    L’uso della narrazione (digitale) nella pratica clinica | Digital Narrative Medicine

  7. hollywood casino

    online casinos

  8. casino slot

    real online casino

  9. tadalafil 20 scrive:

    tadalafil tablets

    generic cialis online

  10. buy cialis generic online

    purchasing cialis online

  11. tadalafil 10mg scrive:

    tadalafil 40 mg

    cialis 5mg

  12. cheap tadalafil scrive:

    tadalafil cialis

    buy cialis pills

  13. viagra coupon scrive:

    viagra online prescription

    online pharmacy viagra

  14. generic viagra scrive:

    sildenafil 100

    viagra online prescription

  15. cheapest viagra scrive:

    cheap viagra online

    viagra online canada

  16. gambling games

    casino slot games

  17. rivers casino

    hollywood casino

  18. online casino scrive:

    online casino usa

    free casino games

  19. real online casino

    online gambling

  20. generic for viagra

    sildenafil 100mg

  21. 20 cialis scrive:

    cialis buy

    generic for cialis

  22. new cialis

    5 mg cialis

  23. cialis buy scrive:

    20 cialis

    20 cialis

  24. cialis generic scrive:

    5 mg cialis

    generic for cialis

  25. 20 cialis scrive:

    cialis 20

    generic for cialis

  26. cialis 5 mg scrive:

    buy cialis

    5 mg cialis

  27. viagra cost scrive:

    viagra cost

    viagra for sale

  28. cash loans

    quick cash loans

  29. instant loans

    pay day loans

  30. pay day loans scrive:

    cash payday

    payday loans online

  31. buy tadalafil online

    cialis online reviews

  32. slot machines scrive:

    play online casino real money

    real money casino app

  33. slots online scrive:

    best real casino online

    empire casino online

  34. natural viagra

    viagra for sale

  35. casino online usa

    hollywood casino online

  36. levitra 20 mg scrive:

    levitra for sale

    buy vardenafil

  37. generic levitra

    levitra 10 mg

  38. cialis generic scrive:

    Viagra or cialis

    Buy cheap cialis

  39. online canadian pharmacy

    canadian online pharmacy

  40. cialis 10 mg scrive:

    generic cialis

    buy generic cialis

  41. new ed pills scrive:

    mens ed pills

    impotence pills

  42. erectile dysfunction drug

    erectile dysfunction drugs

  43. buy ed pills scrive:

    cheap erectile dysfunction pills

    cheap erectile dysfunction pills online

  44. sildenafil online

    buy sildenafil

I commenti sono chiusi.